Ahmet Altan dal carcere di Silivri

Usciva un anno fa “Ritratto dell’atto di accusa come pornografia giudiziaria”, un pamphlet scritto da Ahmet Altan il cui titolo riecheggia più che mai nelle teste dei turchi.

Ahmet Altan e lo stato turco

9788866329190_0_0_0_75

Ahmet Altan, uno degli autori più noti e popolari della Turchia, è incarcerato nel suo paese dal 2016 per reati di opinione a seguito del colpo di stato dello stesso anno. Nel 2018, dopo un processo lungo 2 anni è stato condannato definitivamente all’ergastolo. La voce di Altan però non ha mai smesso di fermarsi, persino dal carcere. È del 2017 infatti il suo pamphlet, uscito proprio mentre lo scrittore si trovava nel carcere di Silivri in attesa di giudizio. In quest’ultimo Altan illustrava, con dovizia di particolari, quali fossero le incongruenze del processo e del come l’atto di accusa si fosse trasformato in vera e propria “pornografia giudiziaria”. Il pamphlet metteva in luce la corruzione all’interno dello stato turco e di come, ormai, la verità sia asservita al governo e non viceversa.

Un grande supporto

9788866329831_0_0_0_75

Dopo le parole di Altan ci fu una reazione fortissima e immediata da parte degli intellettuali turchi e del mondo. Basti pensare ad Orhan Pamuk, premio Nobel turco, che insieme ad altri 50 premi Nobel scrisse una lettera ad Erdoğan per chiederne la scarcerazione. Purtroppo la lettera non riuscì ad influire sulla pena che si trasformò poi in un ergastolo ma il sostegno unanime ad Altan è un segnale forte da parte della Turchia. Per la prima volta si è dato segno di compattezza, dell’obbiettivo comune di cancellare le ingiustizie e riportare lo stato di diritto quando esso manca. Probabilmente è stato il segnale più forte ad una politica che stava dimenticando i cittadini, curandosi solo dei propri interessi alla pari di paesi come l’Egitto. La Turchia merita il meglio e oggi i suoi cittadini possono ottenerlo con un semplice voto.

Election day Türkiyede

Specifico: non sto consigliando ai cittadini di non votare Erdoğan o l’Akp, semplicemente li invito ad un pensiero critico. Tanti sono stati i passi in avanti ma forse, proprio adesso, è il momento di cambiare. Dare una guida nuova significherebbe nuove idee e una pulizia alla classe dirigente, ormai reale padrona dello Stato. Ovviamente questo potrebbe anche voler dire un grande rallentamento, una ripartenza vera e propria. Ai cittadini l’ultima parola, il mio desiderio è però quello di una Turchia grande, forte e giusta In’Sh’Allah.

oy-pusulasi-01

Ringrazio personalmente la casa editrice edizione E/O per il grande lavoro che stanno facendo per Ahmet Altan e per tutta la Turchia in generale e vi invito anche a guardare il loro sito. Potete trovare il pamphlet a cui facevo riferimento su Amazon e il “Tre manifesti per la Libertà”, sempre di Altan, sul loro sito. Il ricavato sarà interamente destinato a pagare le spese legali dell’autore

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Crea il tuo sito web su WordPress.com
Inizia ora
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close