Zekrayatna

6.10.16

Avevo giurato di non provare più quei sentimenti, quelle pene ingiustificate e quelle angosce futili, ma non posso farci nulla, tu con quei sottili sorrisi, con la rinascita della tua indipendenza e, ancor di più, con la tua assenza, mi hai stregato.

Se prima ti guardavo, ora t’immagino e si sa che la mente è il più perfido degli organi, ci fa plasmare dentro di noi sogni, passioni e persone.

La mente è fasulla, è ciò che più si finge lontana dal cuore pur non essendovi, e ci fa sognare, ci fa belli e brutti e, ancor di più, fa belli chi a noi è lontano. Gli fa prendere brutte strade o li fa ancor più vicini a noi, così, senza alcun tipo di logica, ci ritroviamo a sognare e interpretare. Non guardando, non sentendo, ma immaginando chi vicino a noi non è.

Poesia scritta ascoltando Zekrayatna di Amal Maher

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Crea il tuo sito web su WordPress.com
Inizia ora
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close