Khaled, Il Raï

Pochi musicisti sono in grado di diventare, volenti o nolenti, il volto stesso del proprio genere musicale. È il caso di Bob Marley, dei Beatles e di Khaled, il volto del Raï.

Da Orano a Parigi

Ci sono città nate per sfornare l’eccellenza del proprio settore. In Italia abbiamo la Romagna per i motori e Napoli per il cibo, in Algeria per la musica c’è solo Orano e non poteva che nascere lì il più grande cantante della storia algerina.

aleppo-suq-alp-013705183870117358400.jpeg
Orano

Hadj Brahim Khaled deve la sua incredibile carriera proprio alla sua terra dove, fin da piccolo cantava la sua musica ai matrimoni e alle circoncisioni diventando in brevissimo tempo una star assoluta nel paese. Il problema risiede però nel genere cantato da Khaled. All’epoca infatti un’Algeria particolarmente religiosa aveva reso illegale il Raï a causa dei suoi testi particolarmente audaci. La situazione particolarmente divenne particolarmente delicata quando, nel 1985, l’Algeria decise di legalizzare il Raï, oltre che inaugurare un festival proprio ad Orano.

La reazione dello zoccolo duro religioso venne fuori proprio dopo quest’evento, lanciando fatwe contro tutti i maggiori artisti del genere, causandone così la fuga. Uno di questi fu Khaled che fu costretto a fuggire a Parigi.

Il successo planetario

Nella capitale francese trovò però una nuova dimensione che fece poi la sua fortuna. Non più confinato in Algeria, infatti, Khaled poté godere dell’immensa visibilità che l’Europa gli offriva, oltre che essere al sicuro da qualsivoglia tipo di censura. Nel 1992 lanciò l’album Khaled con il suo primo grande successo: Didi.

Grazie a questo immenso successo l’algerino divenne noto anche al pubblico francofono e nel 1996 scrisse con Jean-Jacques Goldman la sua perla più celebre di sempre: Aisha.

Nel 1998 parteciperà poi al 1,2,3 Soleil, il concerto che fece la storia del Raï, consacrandolo definitivamente come leggenda. Mentre nel 1999 canta, assieme alla cantante israeliana Noa, Imagine di John Lennon, facendo parlar di sé anche in chiavce umanitaria. Nel 2012 lancerà poi il suo ultimo grande successo, C’est la vie diventerà infatti una delle canzoni ancora adesso più popolari di sempre e sulla quale le cover si sprecano.

Il volto del Raï

Al di là delle polemiche che gli sono piovute addosso negli ultimi anni, Khaled rimane una delle figure più radicate nell’intero immaginario arabo. Chi non ha mai passato un’estate ascoltando almeno uno dei suoi pezzi? Chi non ha mai ascoltato Aisha sognando vicino a sé il suo eterno amore? Ieri vi parlavamo di Müslüm Gürses, come la voce della Turchia oggi vi parliamo di una delle voci non solo dell’Algeria, non solo del Raï ma dell’intero continente africano. Non a caso per inaugurare il mondiale sudafricano si affidarono proprio a lui, il volto del Raï, il volto della musica africana.

123 soleil

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Crea il tuo sito web su WordPress.com
Inizia ora
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close