Il libro nero di Pamuk

“Il libro nero” parte come una ricerca dell’amata per trasformarsi poi in una ricerca di sé stessi e della scrittura per essere. Un noir ambientato in una Istanbul quasi onirica pronta a svelarvi i suoi e i vostri misteri.

Noir

In una Istanbul labirintica e malinconica, Galip, un giovane avvocato scopre improvvisamente che la moglie è svanita nel nulla. Anche il fratellastro di lei, Celal, un celebre giornalista, è introvabile. Inizia così un giallo filosofico che porterà l’improvvisato detective a scoprire ciò che non avrebbe mai voluto sapere.

Il libro nero
Torre di Galata, Istanbul

Scrivere per essere

L’intero romanzo è una ricerca che Galip compie per tutta Istanbul viaggiando per luoghi del suo passato e di quello di Celal. Fra i 2 esiste infatti un legame molto forte e che permetterà a Galip di immedesimarsi e di compiere così un viaggio negli scritti del giornalista, figura quasi mistica nel romanzo.

Sono molte le chiavi di lettura che Pamuk ci vuole offrire, sia di natura  storica che letteraria e non a caso il libro è frutto di 5 anni di lavoro. Temi come la ricerca di sé stessi e di come la scrittura ci aiuti ad essere. Il romanzo infatti ruota molto sul conservare la memoria tramite la scrittura e di come implicitamente lasciamo indizi di noi stessi.

Il libro nero
Yeni Camii, Istanbul

Questi elementi avranno un grosso impatto nella trama, trasportandoci in questa Istanbul a metà fra il sogno e la realtà, anche la città sarà infatti protagonista della storia, trasportandoci nei suoi vicoli e nella sua parte più mistica.

Profondo

“Il libro nero” di Pamuk si colloca fra quei capolavori che hanno sempre qualcosa da dire e che sono, per questo, eterni. Sono infatti mille le chiavi che potremo utilizzare per risolvere il mistero ma nessuna di queste sarà efficace finché non ci sforzeremo anche con la psiche. Il libro non è per tutti e sopratutto non lo è per i meno pazienti, ma la fatica verrà ripagata con la soluzione del mistero: “è possibile essere sé stessi?”.

Il libro nero

Annunci

6 pensieri riguardo “Il libro nero di Pamuk

  1. Bel blog, bel progetto. Anche a noi piace il tè 🙂

    Piace a 1 persona

  2. Sai che appartengo al gruppo di lettori che sa che questo libro merita di essere letto e studiato per coglierne i diversi significati ;). La tua riflessione sull’identità e sulle tracce che lasciamo dietro di noi attraverso la scrittura è molto interessante e si ricollega alla perfezione alla nota con cui Pamuk chiude il romanzo.

    Piace a 1 persona

  3. Questo blog è una bellissima scoperta, continuo a seguirvi con interesse!

    Mi piace

    1. Khalid Valisi 7 agosto 2018 — 10:58

      😍 Grazie mille davvero, è un onore ricevere dei commenti del genere

      Mi piace

  4. Bellissimo romanzo, adoro Pamuk…

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Crea il tuo sito web su WordPress.com
Inizia ora
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close