“Io non sono un albero” di Maryam Madjidi

Un romanzo che mischia poesia e prosa, il diario di una vita passata fra Teheran e Parigi raccontando le proprie origini perse e ritrovate. Il romanzo d’esordio di Maryam Madjidi è un affresco originale e ben scritto che vi conquisterà nel profondo.

Io non sono un albero

Iran, fine degli anni ’70. I genitori di Maryam sono giovani, comunisti e innamorati del loro Paese. Ma l’Iran sta sprofondando verso uno dei regimi più oscurantisti dell’epoca moderna, e la famiglia è costretta a fuggire. Quando, a sei anni, Maryam raggiunge il padre in esilio in Francia, ad accoglierla è prima di tutto una nuova lingua, che lei subito rifiuta, per poi invece sceglierla come unico salvagente possibile, al punto da respingere ogni richiamo alle origini: ”Io non sono un albero, non ho radici”.

Maryam Madjidi

Solo anni dopo, quando ai genitori ormai stanchi le parole iniziano a mancare, Maryam trova la forza di volgersi indietro, recuperando la lingua come unico strumento per ritrovare la memoria.

Una vita in ricordi

Quello di Maryam Madjidi non è un libro dalla storia lineare, preferisce volare di concetti e di poesia inseguendo l’amato Omar Khayyam. Non aspettatevi quindi una linea del tempo o cose simili, il romanzo è una continua relazione fra l’infanzia della scrittrice e la sua riscoperta dell’identità persiana da adulta. Il risultato però non è confusionario ma riesce ad essere sempre un ritratto dolce e a tratti commuoventi di una ragazza che ha scoperto sé stessa solo da adulta.

Maryam Madjidi
Maryam Madjidi

Nel libro si respira costantemente la malinconia di chi appunto ha perso le proprie radici, il tutto però non si rivela mai troppo pesante grazie alla bellezza del testo, spesso più simile ad una poesia in prosa, e alla sua originalità.

Fra Parigi e Teheran

Il romanzo è sempre molto intenso e attinge sopratutto all’infanzia della scrittrice, passata fra una Teheran in piena Rivoluzione e la Parigi delle banlieu. La poesia nasce sopratutto dal contrasto che si crea fra l’incontro della nuova cultura/lingua con la vecchia.

“Allora il francese avvolge la bambina con il suo mantello regale di gigli ed élite. Procedono insieme verso un grande edificio di liberté, égalitéfraternité. Frammenti di carta danzano sopra il loro capo: pagelle esemplari, lodi meritate, poesie applaudite  turbinano allegramente scortandole.

Il persiano, seduto un po’ distante su una panchina, li guarda allontanarsi. Vecchia pensosa, circondata da una spessa solitudine, con la punta del bastone spazza qualche foglia e cartaccia insieme ai vecchi sogni del passato.”

Per la prima volta poi emerge con chiarezza e in diversi passi del romanzo il lavoro fatto nell’educazione d’oltremanica  per “francesizzare” gli stranieri. Un comportamento che a noi turisti spesso suona arrogante ma che può essere distruttivo per chi lì ci vive.

Il romanzo di Maryam Madjidi è una delle ultime perle della letteratura franco-iraniana, se siete fan della nostra pagina non potrete non amarla. Seguiteci anche sulla nostra pagina facebook ed Instagram.

Maryam Madjidi
Parigi e Teheran
Annunci

3 pensieri riguardo ““Io non sono un albero” di Maryam Madjidi

  1. Grazie per questa segnalazione! prendo nota. Anch’io ho appena iniziato un romanzo di una scrittrice nata in Iran e poi emigrata da piccola con la famiglia in Svezia…

    Piace a 1 persona

    1. Come si chiama? Mi stai già stuzzicando 😉

      Mi piace

      1. “Un popolo di roccia e vento” di Golnaz Hashemzadeh Bonde

        Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Crea il tuo sito web su WordPress.com
Inizia ora
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close