BowLand, l’indie del Medio Oriente ad Xfactor

Il trio persiano ha già conquistato la giuria di Xfactor e si prepara a portare nuove musicalità in territorio nostrano.

Una sorpresa inaspettata

Qualche settimana fa nessuno si sarebbe aspettato di vedere una band iraniana poter gareggiare per Xfactor Italia, oggi i BowLand sono allo step finale: gli Homevisit. Una volta superati potranno finalmente far parte del programma e coronare il loro sogno. Forse proprio quest’ultima la parola chiave.

Grazie al loro sound ipnotico ed esotico sono riusciti a trascinare il pubblico di Xfactor Italia in universi musicali che non avrebbero mai immaginato di incontrare. Basta urli o “fuck” messi a caso, la musica dei BowLand è elegante e sobria, non è la musica delle piazze, è la musica dei club di Teheran, della musica per amatori.

Una Teheran intima e nascosta

Da quando è iniziata la Rivoluzione Islamica in Iran è sempre più complicato poter mostrare la propria arte in pubblico è sempre più complicato e rischioso. Va specificato: l’Iran non vieta esplicitamente la musica ma tutto ciò che vi ruota attorno è visto come qualcosa che “porta al peccato” e quindi vietato. Naturalmente se non ti è possibile esibirti davanti a tanti è fondamentale potenziare al massimo la tecnica, un grande dono per pochi adepti.

BowLand

Un paese come l’Iran, amante della musica fin dall’alba dei suoi giorni, non poteva rinunciarvi e così la musica persiana ha subito una enorme divisione di classe. Nei villaggi ascoltano i canti popolari di un tempo, ma in città c’era bisogno di qualcosa di nuovo ed ecco formarsi piano piano dei “club”. In questi piccoli locali si va alla ricerca di musica nuova, dalle sonorità raffinate e ispirate. Da questi club, sparsi nell’intero Medio Oriente, la musica ha iniziato a cambiare.

BowLand

Da questi fenomeni sono scoppiate band incredibili come i Mashrou’ Leila e i Soap Kills, sicuramente  le due band più importanti in assoluto per quanto riguarda il genere. I BowLand probabilmente si collocano a metà fra i due, rimanendo fedeli ad una tradizione sobria ma con un ampio uso dell’elettronica cercando l’ennesima evoluzione.

BowLand

Il gruppo è formato da Lei Low (la voce), Pejman Fa e Saeed Aman, 3 studenti di Teheran che si sono ritrovati a studiare insieme a Firenze. Da qui la scelta di legarsi ancor di voler fare la loro musica in luogo tanto diverso dalle sue origini.

Nella speranza di poter scrivere un pezzo per celebrare la prima band italiana ad una live di Xfactor, vi lasciamo la nostra prima playlist in tema, speriamo vi piaccia. Appuntamento su Sky alle 21.15, seguiteci su facebook e Instagram

Annunci

14 pensieri riguardo “BowLand, l’indie del Medio Oriente ad Xfactor

  1. Molto particolare la voce. E’ del genere che dico raschiata. L’ho sentita in poche cantanti: fra le grandi. Gesù! Alla foto dei tre manca la taglia! 🙂 🙂

    Piace a 1 persona

    1. Sarebbe interessante se andassero avanti, purtroppo tendenzialmente queste “grandi particolarità” vanno avanti poco in Xfactor o comunque non vincono, facciamo le corna, sarebbe un bellissimo messaggio universale

      Piace a 1 persona

      1. Prendo nota dei demeriti di Xfactor. 🙂

        Mi piace

  2. Tayf (Ghost) Stupendo! Non mi stanco d’ascoltarlo.

    Piace a 1 persona

    1. A me piacciono quasi tutte, poi ho scoperto la loro versione di Get Lucky e mi innamoro ogni volta, sono davvero bravi

      Mi piace

      1. Stavo giusto cercando Habibi. Volevo ascoltarmelo subito dopo la Monserat Caballe! Come vedi, sono uso far dei grandi salti in musica, ma nessuna confusione. 🙂

        Piace a 1 persona

  3. Sono davvero contento che possano seguire qui in Italia il loro sogno, senza le restrizioni che avrebbero in Iran (sperando per tempi migliori… che per quanto posso vedere comunque, anche se con difficoltà, si stanno preparando).
    Grazie per la playlist! Da amante della musica e del medio-oriente, la ascolterò con molta curiosità! 🙂

    Piace a 1 persona

    1. È un piacere 😉 ogni consiglio è ben accetto, sarebbe bello se ci fossero anche dei pezzi consigliati dai lettori

      Piace a 1 persona

  4. Trovato! https://www.youtube.com/watch?v=oViTA93ydQs Potrai non crederci ma mi ha profondamente commosso.

    Piace a 1 persona

    1. Ho visto adesso il video. Personalmente li preferisco in studio perché la canzone in sé rende meglio, però qui Hamed Sinno è MOSTRUOSO. Ha una voce che può fare qualsiasi cosa un maniera incredibile, in più la parte iniziale dove ripete mille volte la stessa frase è un bellissimo omaggio alla tradizione. Umm Kulthum ad esempio faceva così per insistere su un certo concetto e dargli diverse sfumature. Incredibili, spero che sei i BowLand vadano avanti possano chiamarli, sarebbe la prima volta che mi metto in cerca di un biglietto per Xfactor 😅

      Piace a 1 persona

      1. Affascinante anche la presenza del violino. Concede alla canzone un’aurea religiosa: la fa sembrare una lacerante invocazione a Dio ( quasi sempre stupende le voci su base coranica) mentre probabilmente, è un’invocazione all’IO quando non ad un IO.

        Piace a 1 persona

  5. Sono rimasta affascinata dalla prima audizione; l’unica vera novità … spero riescano ad affermarsi a XFactor, certo, ma anche in generale. grazie per la play list!

    Piace a 1 persona

  6. E’ andata bene!! Ora possono giocare tutte le loro carte….

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Crea il tuo sito web su WordPress.com
Inizia ora
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close